Blog

Scrivi al Comitato Olimpico Internazionale

‘Write to the International Olympic Committee’ in Italian

Boycott Pyeongchang_1440x2160_p Manca soltanto più un anno circa alle Olimpiadi invernali di PyeongChang del 2018, e, ad ora, la comunicazione tra i vari membri del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e gli organizzatori della nazione ospite, la Corea del Sud, è ben avviata.

È quindi il momento giusto per chiedere al CIO di sollecitare la Corea del Sud a fermare le brutali torture e l’uccisione delle creature universalmente note come gli animali da compagnia, e a terminare una volta per tutte il commercio orrendo e crudele della carne di cane e di gatto.

Chiedi l’aiuto del CIO inviando un rapido messaggio online e una lettera per posta.
Social Media del CIO:

  • Clicca QUI per inviare un messaggio online.
  • Invia una lettera per posta.

    The International Olympic Committee
    Château de Vidy
    Case postale 356
    1001 Lausanne
    Switzerland

  • Invia una copia della lettera al Comitato organizzatore delle Olimpiadi di PyeongChang del 2018.

    The PyeongChang Organizing Committee for the 2018 Olympic & Paralympic Winter Games
    108-27, Olympic-ro, Daegwallyeong-myeon, Pyeongchang-gun, Gangwon-do 25347, Postal code 25347
    Republic of Korea

    The PyeongChang Organizing Committee for the 2018 Olympic & Paralympic Winter Games
    17-3, Gyodonggwangjang-ro 100beon-gil, Gangneung-si, Gangwon-do, Postal code 25512
    Republic of Korea

    The PyeongChang Organizing Committee for the 2018 Olympic & Paralympic Winter Games
    69, Baekjegobun-ro, Songpa-gu, Seoul, Postal code 05556
    Republic of Korea

    Indirizzi del Comitato organizzatore delle Olimpiadi di PyeongChang del 2018 in Coreano:

    2018 평창 동계올림픽대회 및 동계패럴림픽대회 조직위원회
    강원도 평창군 대관령면 올림픽로 108-27 (우) 25347
    Republic of Korea

    2018 평창 동계올림픽대회 및 동계패럴림픽대회 조직위원회
    강원도 강릉시 교동광장로 100번길 17-3 (교동) (우) 25512
    Republic of Korea

    2018 평창 동계올림픽대회 및 동계패럴림픽대회 조직위원회
    서울특별시 송파구 백제고분로 69번지 (잠실동) (우) 05556
    Republic of Korea

  • Chiama.
    Tel. +41 21 621 61 11
    Fax +41 21 621 62 16

Ti suggeriamo di scrivere il seguente messaggio nel modulo di contatto online del CIO:

To IOC: The S. Korean Govt does nothing to stop the horrendously cruel & unethical dog /cat-meat trades; trades which allow use of unregulated drugs & food, uncontrolled emissions of polluted waste from dog farms, & overt torture & killing of the animals for consumption. You state: “Sport presents broad opportunities to promote…far-reaching actions for environmental, social & economic development across society”. We ask: how can these health hazards & eating practices be allowed to continue in Korea? Does not a lasting change for their environment need to stretch beyond the sporting arena? And, what sort of effect must this open cruelty & horrific slaughtering have on Korean children? IOC Members, in the name of compassion, right, & for the good of the Korean people, we ask you to look for ways of addressing these concerns through your ‘partnership between PyeongChang 2018 & the Ministry of Education’ & through the IOC’s position of “being a catalyst for lasting change”.

Ti suggeriamo di scrivere il seguente testo nella lettera per posta al CIO:

Dear members of the International Olympic Committee,

The IOC web-site states that “Sport presents broad opportunities to promote … far-reaching actions for environmental, social and economic development across society”, and it then goes on to note that “for the seven years of preparation following the election of the host city, and for many years beyond, the story is about the city, the country and its people. People expect the Games to be a catalyst for lasting change—a change that ranges far beyond sport performance and facilities.”

Ti chiediamo inoltre di guardare questo video: http://youtu.be/3uR8R8Mu70Q

Crediamo che un’azione importante e su larga scala, per motivi ambientali, sanitari, etici e sociali, sia quella di lavorare in direzione della fine del commercio della carne di cane e di gatto in Corea del Sud, e che i preparativi per l’evento di PyeongChang del 2018 siano il momento più adatto per questo.

I fatti: i coreani credono che maggiore sia il dolore e la sofferenza provati da un animale, maggiori siano i benefici sulla virilità o la salute di chi consuma la loro carne (i cani vengono impiccati, colpiti con scariche elettriche, bolliti o bruciati vivi). Pyo Chang Won, il presidente dell’Animal Welfare Committee (Comitato per il benessere degli animali) dell’Assemblea nazionale coreana, ha affermato, parlando della sua infanzia:“ “Ho assistito a numerose stragi barbariche di cani attorno al lago e nella città vicina.” Un ricordo che sicuramente lo perseguita ancora.
Ci chiediamo: quali effetti devono avere questa manifesta crudeltà e queste stragi barbariche dei nostri animali da compagnia sui bambini coreani?

I fatti: i cani allevati vengono riempiti di antibiotici e di medicine, ed “Il consumo di carne contenente elevati livelli di antibiotici provoca gravi effetti tossici nel corpo umano, e a lungo andare può provocare alterazioni endocrine ed anche sviluppare il cancro e il diabete.” – Dr. Tae-Yo Ha, HankookIlBo, 04.07.2011. La Corea del Sud non è un paese povero, è la 14a economia mondiale, sede di marchi globali come Samsung e Hyundai. Tuttavia si stima che 2,5 milioni di cani e migliaia di gatti vengano macellati e consumati ogni anno in Corea del Sud, e il governo non fa nulla per porre fine a questo commercio solamente dettato dal profitto, esentasse e senza regole, che ha il suo picco nel cosiddetto ‘festival’ di Boknal.

Ci chiediamo: com’è possibile che si consentano ancora queste pratiche alimentari in Corea, gravide di rischi per la salute?

I fatti: gli allevamenti di cani versano in condizioni sanitarie estremamente carenti e producono livelli inaccettabili di inquinamento delle acque e a causa del tanfo e del rumore (spesso ai cani vengono bruciati i timpani per evitare che abbaino).

Ci chiediamo: non è forse necessario che un cambiamento duraturo si estenda al di là di uno stadio?

Questo vergognoso commercio deve finire – il governo sudcoreano deve agire per proibire il consumo della carne di cane e di gatto.

Chiediamo quindi, anche in nome della compassione e della giustizia, e per il bene della popolazione coreana, che il Comitato Olimpico Internazionale cerchi un modo per affrontare questi problemi attraverso la nuova ‘partnership tra PyeongChang 2018 ed il Ministero dell’Istruzione’, e con il CIO stesso con funzione di catalizzatore per un cambiamento duraturo.

Grazie!

[Il tuo nome, città, paese]

P.S. guarda anche la petizione online in corso: Boicottiamo le Olimpiadi invernali del 2018 di PyeongChang in Corea del Sud, la nazione che mangia cani e gatti!https://www.change.org/p/boycott-pyeongchang-2018-winter-olympics-in-south-korea-a-dog-eating-nation 169.360 firme raccolte (situazione: 27.10.2016).

boycott-pyeongchang-2018-action

BOYCOTT CRUELTY,  BOYCOTT KOREA

Video: CARE(Coexistence of Animal Rights on Earth). Moran Dog Meat Market/Slaughterhouse, Seongnam, South Korea.

  1. Heath St john
    Heath St johnMay 23,17

    Physical torture is a favoured instrument of Lucifer. I am a meat eater, and a supporter of fox hunting; there is no contradiction between these practices and the revulsion I have of the treatment given to animals in Korea; I say this to make it clear I ask you to support me in ending these disgusting actions , even though I am no believer in so-called animal ‘ rights ‘, which do not exist; God created animals as mankind’s servants, and gave man charge of the world, as Genesis shows; that does NOT mean, however, that wanton vile abominations on defenceless creatures is acceptable, and l ask you to help in persuading the practicers to see this truth, as compulsion shan’t work, and, is always unavailing. Thank you. Heath St John. London

Leave a Reply